| Subcribe via RSS

Journey around Ericeira & ITW with Josè Brito

novembre 7th, 2011 Posted in interviews, surfing

text & photo copyright Helmut Berta

ENG:
I just got back from Portugal and the memories, still vivid in my mind, harden into images that will accompany me forever. I should have been there to see the final phase of the Rip Curl Pro Portugal, but unfortunately airline tickets purchased a month earlier were not in tune with the weather. I was at the airport while the final part of the contest was on and  Adriano De Souza beat Kelly Slater one barrel after the other. After a few days spent in Peniche to check the spots of the area I moved further south in the world surfing reserve of Ericeira.

Ericeira is certainly the place to stay, a small and genuine fishing village with dozens of different breaks for every level and taste, halfway between Peniche and Cascais, it’s easy to find a house or a room in one of the hostels,it’s one of the most friendly place i’ve been and people take care of you. I personally suggest  you the cosy and clean Ericeira Hostel just above the old port which is equipped with every comfort and has a breathtaking view, and also for  the less experienced surfers they organizes surf classes. Moreover for those who want to rent or to buy technical equipment or just get advice on the spot and on the weather forecast is a must to visit the Board Culture surf shop just behind Largo Sao Sebastiao.

There you will find to help you Jose ”Zeze” Brito, a promising young local surfer that I had the pleasure to meet and interview:

>How and when did you start surfing?
I started surfing when i was 8, a good friend of my parents said that surfing is fun and that me and my brother should try it, so we started surfing in a surf school during a couple of weeks in the summer, then we stoped and restarted at 14, i discovered that surfing was more than just a sport, it was a lifestyle, a way to express yourself and let go of all the problems that sorround you, and that was and is something that makes me wanna surf at every second, of course that i also found out competition, in the first years i was so bad i just wanted to quit surfing as a competitor, but then i thought “Ok you can’t surf as good as the others, so go there have fun and do something crazy”, and after that i started surfing a lot better and pushing my self to do better.

> Your idols, or person you refers to…
My idols are of course mom and dad, biggest supporters i have all along, my BRO Emanuel Brito he makes me wanna surf my best and kick is ass all the time, and he is SUCH a good surfer to watch, style, technique, go for it, he as it all, also, my best friends (all brothers), they are the craziest guys ever, i love to surf with them, Joao is the one with the most do it attitude it doesn’t matter how big and scary it is, he goes, Marcio is a insane barrelist, i mean every wave he catches you now he’s looking for the barrel, from shallow hollow barrels to long or small he’s barreling for sure (and coming out of them…), Pedro the POWER SURFER, every manuver looks like is going to send the wave back to were it came from, is so massive i love to see him surf, Simao is that kind of guy that doesn’t shut up, is always ready to surf no matter what time or what type of waves, his the all around surfer and his actually improving a lot, Filipe is just like Joao, he goes but the difference is thet he is more relaxed and he as the old school soul surfer touch, it really catches the eye, MANU my biggest surf buddy, he surf so well and does a forehand carve that is signature move like no one else, perfect, also very good at 360 turns. Then of course the pros, Sam Lamiroy, Philip “Macca”, A.I., Brucey, Owen, Matt Wilkinson, Ke11y Ry Craike and OCCY

> Your achievement? prizes, results?
As i said before i don’t do all that well in comps but i’ve had awsome heats against really good surfers and putting them in difficult positions, i got a 3rd at our Regional Open Contest last year i think, also last year a top 13 at the Nacional pro Junior and top 25 at the Nacional Open, other than that just personal achievements, specially in surfing bigger waves with cofidence and putting turns in more critical parts of the wave, and i also showed up in a magazine (ONFIRE) making a nice barrel in Nazaré and with an interview.

> Your mission? i know you got a project about working with disabled people…
My mission professionaly speaking was to do a project with people that have psicological and fisical deficiency, and getting them to surf, the idea wasn’t to make them surf, but to make them Happy, and enjoy themselfs in the water in their on way like all surfers do, and the result was spectacular, it was so good to see them all having the time of their lifes, these are people that really know the meaning of being uncapable or “not fit to”, they are people that don’t blend in because they are different, that don’t make part of the society or get rejected by it, but why? Because they have problems?? No, because most people refuse to see them has people has human beings, and that really pisses me of, so my project was focused on showing that this people are just like us and that surfing can help them in different ways like in psicosocial skills and as a therapy for their fisical skills, and i hope that i can do much more for them i wan’t to keep working on this and inspire people to do the same kind of projects, to help, to be human with each other no matter what color, what nacion or which deficiency they have and that’s it, just love each others and be happy.

> Your vision of the future?
I hope it comes with laser guns and space ships that can travel all across the universe and go surf sick Lava waves in some uncrowded planet ahah…
Besides that i guess i’ll work and surf and try not to lose my faith in mankind, cause this planet needs some extreme care and the people of this planet need to remenber their roots i mean would it be so bad to forget about the money and have a comunity were people help each other give what they have more and exchange for what they have lose, but that’s my Utopia, i don’t know, i’ll be glad just with a tent on the beach, fishing or hunting my food in a paradise island with perfect waves to surf whenever i want (how nice would that be??)

> How is your surfing area?
My Surfing area is great it has waves all year, all types of waves, and you have spots that are still in wild form and we have to preserve that and change peoples minds to stop building car parks and all that stuff in the beach, good thing that now Ericeira is considered a world surfing reserve so maybe now they clean everything and leave nothing but footprints on the beach. So you know we have waves but besides that we have awsome bakery and tipical food, ask Helmut he will tell you. Ericeira is a typical portuguese villa, still with old streets and buildings and a lot of fisherman and boats, and of course classic old school surfers with a pirate atittude that want the waves all for themselves and yell GRAHHHHHH to people that try to take them, but that’s ok if you respect and show them you know how to be in the water and prove that you can surf, they won’t bother you and they’ll be nice to you. Ericeira is also nice to walk around at night, in the summer we have nice partys and if not Lisbon is just around the corner and it has a lot of clubs and is more of a night culture in there, there’s a bit for everyones taste of music, space, people, etc… So Ericeira is the perfect spot for a surf holiday or just holidays with your girlfriend or wife and family, and if you come here don’t forget to spot by BOARDCULTURE eheheh.

> The impact of tourist?
Tourists in Ericeira are very important for our economical development they contribute with around 75% of our profits and people in ericeira apreciate that like no others, that’s why we have so many people coming here, because they are well taken care of and things are not so expensive as in others countries, and portuguese people are very welcoming and know how to have fun.

> Travel? where have you been surfing?
I still haven’t travel outside of portugal, but to compensate that i’ve been surfing all of the portuguese coast, i’ve been from north to south and surfed a lot of amasing places some crowded some with perfect waves and no one around. I hope some day i can go somewhere out of portugal,  but hopefully my first journey will be as soon as possible and italy is right around the corner so who knows we will see, and of course hawaii, indonesia, and exotic places are what every surfer looks for, but i’m very curious about places like Ireland, Norway, Canada, and some other cold water places, so traveling is a big wish that i hope to achieve as soon as i can.

> Which is your favorite break?
My favourite break depends of the conditions, there’s so many nice spots in Ericeira and i love them all, but there’s a few that stand out for me, when breaks, Foz do Lizandro is for sure my playground and well it’s my beach and i love it, Pedra Branca is also so good but super crowded, so you can find me there but not for long i really don’t like surfing with crowed it makes me nuts, and last but not least Coxos the Queen of all waves in Portugal, perfect right hander and it barrels from the drop until it ends, and it goes for more than 100m at least when it’s pumping. When those are not possible to surf do to bad conditions we have ribeira d’ilhas of course the most well known wave but i hate it… sorry but it’s true, ok it’s long and it doesn’t close out and you can learn how to surf with lines but it’s a bit soft, it’s a good practice wave with 60 guys in the water and most of them don’t know what their doing, and that’s really anoying. Well that’s all so basically all around ericeira works for me.

> What is your training?
My training was the most important thing in my surfing, i trained in Surf Solutions with Miguel Ruivo a portuguese surfing Icon and Tiago Becker the men that really knows how to take care of my mind, Miguel is an excelent trainer he knows a lot about surfing and he knows how to teach it properly, i learned and corrected most of my defects with him during 2 years and trust me it has worth it, not just in surfing, but outside of it as well, doing exercises to help with your resistence, balance and others, and Tiago was the guy that helped me facing contests and pressure, speaking honestly i’m not even close to best guys of my team or of portugal, but i feel good with my surfing and i’m going to keep improving and i don’t care what people say, that i’m to old, or whatever, i’m 21 years old and i’m going to surf as much as i can, travel and keep competing, sky is the limit.

A special thanks goes to Rip Curl, Board Culture e Ericeira Hostel that made this service possible.

ITA:
Sono da poco tornato dal Portogallo ed i ricordi ancora vividi nella mia mente si consolidano in immagini che mi accompagneranno per sempre. Avrei dovuto essere lì per vedere la fase conclusiva del Rip Curl Pro Portugal, ma purtroppo i biglietti aerei acquistati un mese prima non erano in sintonia con la situazione meteorologica. Mi trovavo in aeroporto mentre si disputava la parte finale del contest e Adriano De Souza batteva Kelly Slater a suon di tubi. Dopo qualche giorno trascorso a Peniche per testare gli spot della zona mi sono spostato più a sud nella riserva mondiale del surf di Ericeira.

Ericeira è certamente il posto dove stare, un piccolo e genuino villaggio di pescatori con decine di spot per tutti i gusti a metà strada da Peniche e da Cascais, è facile trovare un casa o una camera in uno degli ostelli, è uno dei luoghi più accoglienti dove io sia stato e la gente si prende cura di te. Personalmete vi consiglio l’intimo e pulito Ericeira Hostel proprio sopra il porto vecchio che è dotato di tutti i confort e gode di una vista mozzafiato e per i meno esperti organizza anche corsi di surf. Inotre per chi volesse affittare o acquistare attrezzatura tecnica o semplicemente avere dei consigli sugli spot e le previsioni è d’obbligo una visita al negozio Board Culture nella piazzietta alle spalle di Largo Sao Sebastiao.

E proprio allo shop troverete ad aiutarvi Josè ”zeze” Brito, un giovane e promettente surfista locale che ho avuto il piacere di conoscere ed intervistare:

> Come e quando hai iniziato a fare il surf?
Ho Iniziato a surfare a 8 anni, un caro amico dei miei genitori diceva che il surf era divertente e che io ed i miei fratelli avremmo dovuto provare, così abbiamo iniziato un corso di surf per un paio di settimane durante l’estate, poi mi sono fermato e ho ricominciato a 14 anni. Ho scoperto che il surf non era solo uno sport ma molto di più, era uno stile di vita, un modo di esprimere te stesso e allontanare via tutti i problemi attorno a te. Questo è stato ed è il motivo spinge a surfare ogni momento. Successivamente ho anche scoperto la competizione, nei primi anni non facevo granchè bene e volevo solo lasciare le gare, ma dopo ho pensato ” ok non riesci a surfare bene come gli altri, allora vai e divertiti e fai qualcosa di pazzo”. Dopo di ciò ho iniziato a surfare molto meglio e spingevo me stesso a fare sempre meglio.

> I tuoi idoli o persone di riferimento?
I miei idoli sono certamente mia madre e mio padre, i miei più grandi sostenitori, mio fratello Emanuel Brito, lui mi da la voglia di surfare al mio meglio, è un così bravo surfista, ha stile, tecnica e si butta in ogni situazione, è anche il mio miglior amico (tutti i miei fratelli lo sono), loro sono i ragazzi più pazzi, amo surfare con loro. Joao è quello con l’atteggiamento più fattivo di tutti, non importo quanto grande e pauroso possa sembrare, lui si butta. Marcio è un folle tube rider, ogni onda che prende cerca sempre il tubo, dal più ripido e senz’acqua al più lungo o corto e piccolo, lui tuba (ed esce…). Pedro è il surfista più Potente, in ogni manovra sembra che debba rispedire l’onda da dove è venuta, è cosi massiccio amo vederlo surfare. Simo è il tipo di ragazzo che non sta mai zitto, è sempre pronto ad andare a fare surf non importa quando o dove è un all rounder e sta migliorando molto. Felipe è uno che si butta proprio come Joao, ma è più rilassato ed ha un tocco più old school, lui è un soul surfer e guardarlo ti cattura. Manu il mio compagno di surf, le sue curve frontside sono la sua firma, perfette è anche un grande nei 360. Poi ovviamente ci sono i Pros, Sam Lamiroy, Philip “Macca”, A.I., Brucey, Owen, Matt Wilkinson, Ke11y Ry Craike e OCCY.

> I tuoi successi e le tue vittorie?
Come ho detto prima non ho avuto grandi risultati nei contest, ho avuto delle buone heat contro alcuni surfisti molto bravi e riuscendo a metterli in difficoltà, ho fatto terzo al nostro contest regionale l’anno scorso, 13mo al e Nacional pro Junior e nei top 25 al Nacional Open, oltre a ciò solo successi personali, specialmente nel surfare onde grandi con sicurezza e nel mettere curve nella parte più critica dell’onda, sono inoltre spuntato sulla rivista ONFIRE in un bel tubo a Nazarè con relativa intervista.

> La tua missione? So che porti avanti un progetto con i ragazzi disabili…
La mia missione professionalmente parlando è quello di sviluppare un progetto con le persone che hanno deficenze psicologiche e fisiche,  portandoli a surfare, l’idea non è semplicemente di fargli provare il surf ma renderli felici e farli divertire in acqua come fanno tutti gli altri surfisti. Il risultato è stato spettacolare, è stato magnifico vederli viveri i momenti più emozionanti della loro vita, queste sono persone che davvero conoscono il significato di essere incapaci o “non adatti a”, sono persone che normalmente hanno difficoltà a relazionarsi con gli altri perchè sono differenti, che non fanno parte della societàe che sono respinti da essa, ma perché? Perchè hanno problemi?? No, perchè la maggior parte delle persone rifiuta di vederli come essere umani, e questo mi da prorio fastidio, quindi il mio progetto si concentra sul fatto che i portatori di handicap sono proprio come noi e che il surf puoi aiutarli in diversi modi sia fisicamente ma anche psicologicamente.

Spero di poter fare ancora di più per loro e di essere di inspirazione ad altri nello sviluppare progetti simili in altri paesi  per aiutare, essere umani gli uni con gli altri , rispettarci, amarci ed essere felici.

> La tua visione del futuro?
Spero arrivino le pistole laser e le navi spaziali che si possa viaggiareintorno all’universo ed andare a surfare onde incrdibili su reef di lava in pianeti poco affollati ahahah…

Oltre a ciò suppongo lavorerò e surferò cercando di non perdere la mia fede nel genere umano, perchè questo pianeta ha bisogno di una cura particolare ed oggi i suoi abitanti hanno bisogno di ricordare le loro origini, sarebbe bello scordarsi dei soldi avere una comunità dove le persone si aiutano a vicenda dando ciò che hanno in più e scambiando ciò che gli serve. ma questa è la mia Utopia… Sarei felice solo con una tenda sulla spiaggia, pescando o cacciando il mio cibo su un isola da sogno con onde perfette (quanto sarebbe bello?)

> Com’è fare surf nella tua zona?
La mia zona è grandiosa, ha onde tutto l’anno e di tutti i tipi, alcuni spot sono ancora selvaggi e dobbiamo preservarli e cambiando l’attitudine a costruire parcheggi per le auto e tutto quel cemento sulla spiaggia. Adesso che Ericeira è considerata World Surfing Reserve tutto sarà maggiormente protetto.  Quindi abbiamo oltre alle onde anche anche prodotti da forno e cibo tipico eccezionale, chiedete ad Helmut e ve lo dirà… Ericeria è il classico paesino portoghese ancora con vecchie strade, vecchie case e una mare di pescatori e barche, Ovviamente non mancano i classici surfisti vecchia scuola con l’attitudine da pirati che volgliono tutte le onde per loro e gridano GRAHHHHHH a quelli che cercano di prenderle, ma se sei rispettoso e dimostri di saperti comportare in acqua ed essere in grado di surfare, non si preoccuperanno di te e saranno simpatici. E’ inoltre piacevole uscire la sera, in estate abbiamo belle feste e comunque Lisbona è proprio dietro l’angolo con tutti i suoi clubs e nightlife, soddisfacendo un pò tutti i gusti musicali, di persone e di luoghi etc… Quindi Ericerira è lo spot perfetto per tutte le vacanze che tu surfi o meno con la tua ragazza, moglie o famiglia, e se passi di qui non dimenticarti di passare al negozio Boardculture.

>L’impatto dei turisti?
I turisti sono molto importanti per lo sviluppo ed il sostentamento economico della comunità di Ericeira, contribuiscono al 75% del profitto e la popolazione  di Ericeira li apprezza più di ogni altra. E’ per questo che abbiamo così tanta gente che viene qui, proprio perché sono ben curati e le cose non sono così costose come in altri paesi, i portoghesi sono molto accoglienti e sanno come divertirsi.

> Viaggi? Dove sei stato?
Ancora non ho viaggiato al di fuori del Portogallo, ma ho surfato tutta la costa del Portogallo, sono stato da Nord a Sud e ho surfato così tanti posti fantastici alcuni affollati altri solitari con onde perfette, ma credo ci sia ancora molto da scoprire. Sono sicuro ci siano posti con grande potenziale ancora mai surfati. Spero un giorno possa viaggiare al di fuori del Portogallo, ma l’opportunità non si è ancora presentata ed i soldi sono una componente importante. Il mio primo trip potrebbe essere proprio in Italia chissà che non ci incontreremo lì? >Certamente in lista ci sono le Hawaii ed Indo ma sono anche molto incuriosito dal’Irlanda, dalla Norvegia, Canada e molti altri posti con acqua fredda. Sicuramente viaggiare è uno dei miei grandi desideri che spero presto di poter raggiungere.

> Qual’è il tuo spot preferito?
Dipende dalle condizioni, ci sono così tanti spot uno meglio dell’altro in Ericeira e li amo tutti, ma ce ne sono alcuni che proprio preferisco. Quando rompe Foz de Lizandro è di sicuro il mio parco giochi , è la mia spiaggia e la adoro. Pedra Branca è anche ottima ma super affollata, spesso mi puoi trovare lì ma non per molto, surfare con la folla mi innervosisce. Ed infine Coxos “la regina di tutte le onde” in Portogallo una destra perfetta che tuba dall’inizio alla fine con una corsa di più di un centinaio di metri. Quando questi spot non lavorano a causa delle cattive condizioni abbiamo Ribera d’Ilhas sicuramente una delle onde più famose ma personalment ela odio, scusate ma è vero, va bene è lunga e non chiude davanti e puoi imparare a surfare facendo delle belle linee ma è un pò morbida. E’ una buona onda per migliorare, con 60 persone in acqua di cui la maggior parte non sa cosa sta facendo e questo mi infastidisce parecchio. Quindi questo è quanto, in Ericeira trovo sempre un onda per me.

> Qual’è il tuo allenamento?
Il mio allenamento ha una grande importanza nel mio surf, mi sono allenato con Miguel Ruivo di Surf Solution, una icona del surf portoghese, e con Tiago Becker l’uomo che realmente sa come prendersi cura della mia mente. Miguel è un allenatore eccellente sa moltissimo di surf e sa come insegnare nel miglior modo. Ho imparato molto e corretto la maggior parte dei miei difetti durante gli ultimi due anni e credetemi ne è valsa la pena, non soltanto per quanto riguarda il surf ma anche fuori dall’acqua, facendo esercizi per migliorare la resistenza e l’equilibrio. Inoltre Tiago è stato colui che mi ha aiutato ad affrontare i contest e la pressione. Onestamente non sono neanche vicino al miglior del mio team o del portogallo, ma mi sento bene con il mio surf, continuo a migliorare e non mi importa cosa la gente dica, che io sia troppo vecchio o altro… Ho ventuno anni e surferò quanto più possibile, continuando a viaggiare e gareggiare, l’unico limite è il cielo!

 

Un ringraziamento speciale va a Rip Curl, Board Culture e Ericeira Hostel che hanno reso possibile questo servizio.

One Response to “Journey around Ericeira & ITW with Josè Brito”

  1. Luca Briganti Says:

    Bella Helmuuut! bel lavoro davverooo!!! :) )


Leave a Reply